Molti di noi lo osservano dalla finestra ogni giorno, ma pochi conoscono davvero la storia del Vesuvio.
Soprattutto, quelli che pochi sanno è che proprio lì, accanto alla sagoma che ben conosciamo, c’è un altra figura, quella del monte Somma, apparentemente più piccola e insignificante, ma in realtà fondamentale.
La realtà è che è lui il “papà” del Vesuvio, o forse meglio un ex gemello siamese.

Il vulcano originale, per intenderci, altro non era se non un insieme molto più alto, composto sia dall’attuale Vesuvio che dal Monte Somma. Prese la sua forma attuale dopo che la parte sommitale del Monte Somma sprofondò, generando una caldera al cui interno crebbe l’attuale monte Vesuvio.

 

Fonte: osservatorio vesuviano

Quattro le eruzioni più famose nel tempo: quella di Pompei, del 72 d.C., quella del 1631, quella del 1906 e del 1944, di cui alcuni ricordano ancora la pioggia di cenere.

Il tutto si può approfondire sul sito dell’Osservatorio Vesuviano, oppure venendo con noi domenica nel cuore del Monte Somma!

Per tutte le info, chiamaci o scrivici qui!

Altrimenti, contatta il tuo CRAL e prenota

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: